Rassegna Stampa

Estratti di Rassegna Stampa

Il Denaro
“Prende il via dalla Collina del Vomero, con un tragitto che prevede la partenza in Piazza degli Artisti (lato Posta), l’attraversamento di Via Luca Giordano e l’arrivo alla fine di Via Alessandro Scarlatti la Parata della danza.
Movimento Danza (Ente di Promozione Nazionale riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dall’Unione Europea, nonché membro dell’International Dance Council – Unesco) festeggia anche quest’anno la Giornata Mondiale della Danza, ideata 25 anni fa proprio dall’Unesco. Una giornata che accomuna tutti i paesi del mondo e che grazie a Movimento Danza, da sei anni, è diventata per l’Italia e Napoli un grande evento. Partecipano all’evento artisti, musicisti, performer, ballerini, cantanti, attori e mimi, volti noti del mondo della danza, della musica e dello spettacolo insieme a tanti giovani artisti. Tra i testimonial alcuni solisti e primi ballerini del Teatro di San Carlo di Napoli, Ugo Ranieri, Patrizia Manieri, Francesco Volpe, Roberta De Intiniis, Riccardo Riccardi, che saranno accompagnati dagli allievi della Scuola del Massimo napoletano diretta come la Compagnia da Anna Razzi. Poi ci saranno i musicisti Francesco D’Errico, Aldo Farias, Marco Sannini, Pasquale Scialò, Marco Zurzolo, la cantante Brunella Selo. E anche gli attori Raffaele di Florio, Francesco Vitiello, il ballerino Fabio Molfesi ed Angela Picardi della Commissione Danza del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.
Il Corriere del Mezzogiorno – 25/04/2007
«Parata di danza», si balla al Vomero -
Domenica una serie di performance coreografiche all’aperto

Balli, recitazione e musica fra le strade del Vomero, con tanti artisti e testimonial fra la gente nel giorno-emblema della danza scelto dall’Unesco celebrando la nascita (il 29 aprile di 320 anni fa) dell’illuminato ideatore del ballet d’action Jean-Georges Noverre. E’ così che si trasforma quest’anno in «Parata», per la prima volta e a Napoli, si direbbe in risposta alle improvvisazioni «en plein air» fra piazze e crocicchi per la Festa della Musica del 21 giugno, la giornata mondiale dell’arte coreutica organizzata con crescente successo (fino a toccare lo scorso anno gli oltre cinquemila partecipanti e i quarantamila contatti internet) da sei anni a questa parte dall’Ente di Promozione Nazionale Movimento Danza fondato e diretto da Gabriella Stazio. Lo spettacolo, questa volta itinerante e dunque fuori dal Centro di via Bonito per scendere fra il pubblico, partirà alle ore 11 da Piazza degli Artisti per poi sfilare, una volta attraversata via Luca Giordano, l’area pedonale di via Scarlatti dove, in parallelo, si assisterà ad esibizioni teatrali, ad esposizioni fotografiche e a kermesse coreutico- musicali. «Una grande parata e molto altro ancora» ha annunciato Gabriella Stazio nel presentare l’iniziativa alla stampa dalla sede della Provincia di Napoli al fianco di coloro che ne hanno sostenuto la realizzazione: gli assessori Giovanna Martano, Valeria Valente ed il presidente della Municipalità Arenella-Vomero, Mario Coppeto. Fra gli artisti in campo: solisti e primi ballerini del Teatro San Carlo, i musicisti Francesco D’Errico, Aldo Farias, Marco Zurzolo, Marco Sannini con l’Orchestra jazz del Conservatorio San Pietro a Majella, la cantante Brunella Selo, gli attori Raffaele di Florio Francesco Vitiello. In chiusura, l’Orchestra Quebradera fra ritmi sfrenati di samba e batucada.
Paola De Simone

Press Release
PARATA della DANZA e molto di più
Organizzata da Movimento Danza per il sesto anno consecutivo.
UNA PARATA e molto di più PER FESTEGGIARE
LA GIORNATA MONDIALE della DANZA.
Domenica 29 aprile, con la PARATA DELLA DANZA e molto di più, che attraverserà le strade di Napoli, Movimento Danza (Ente di Promozione Nazionale riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dall’Unione Europea, nonché membro dell’International Dance Council – UNESCO) festeggia anche quest’anno la  Giornata Mondiale della Danza, ideata 25 anni fa dall’UNESCO. Una giornata che accomuna tutti i paesi del mondo e che grazie a Movimento Danza, da sei anni, è diventata per l’Italia e Napoli un grande evento. Con la direzione artistica di Gabriella Stazio, la parata invaderà le strade della città nel rispetto dello spirito della Giornata Mondiale nata per chi alla danza si è già avvicinato, ma anche per chi fino ad oggi ha soltanto sognato di farlo.
La Parata prenderà il via alle ore 11 e si svolgerà in una zona determinata di Napoli, la Collina del Vomero, con un tragitto che prevede la partenza in Piazza degli Artisti (lato Posta), l’attraversamento di Via Luca Giordano e l’arrivo alla fine di Via Alessandro Scarlatti.Parteciperanno artisti, musicisti, performer, ballerini, cantanti, attori e mimi, volti noti del mondo della danza, della musica e dello spettacolo insieme a tanti giovani artisti. Poiché la danza, secondo lo spirito di questa manifestazione, accomuna tutti coloro che amano l’arte. Tra i testimonial alcuni solisti e primi ballerini del Teatro di San Carlo di Napoli, Ugo Ranieri, Patrizia Manieri, Francesco Volpe, Roberta De Intiniis, Riccardo Riccardi, che saranno accompagnati dagli allievi della Scuola del Massimo napoletano diretta come la Compagnia da Anna Razzi. Poi ci saranno i musicisti Francesco D’Errico, Aldo Farias, Marco Sannini, Pasquale Scialò, Marco Zurzolo, la cantante Brunella Selo. E anche gli attori Raffaele di Florio, Francesco Vitiello, il ballerino Fabio Molfesi ed Angela Picardi della Commissione Danza del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.Durante il percorso si darà vita ad una performance itinerante grazie all’esibizione di numerosi gruppi. Inoltre altre performance si terranno contemporaneamente all’inizio della parata nella zona pedonale di Via Scarlatti. Antonello Cossia leggerà un brano su “La danza della vita”; l’Orchestra Collegium Philarmonicum diretta dal maestro Gennaro Cappabianca, farà ascoltare un estratto da “Tempo di tango” 2006; la Compagnia Dinamo 3 reciterà “Il re muore” di Eugene Ionescu;  Drama Donna con Cinzia Mirabella farà un monologo dal titolo “Matrigna metropolitana”. Si ascolterà tanta musica con Marco Sannini e l’Ensemble Jazz del Conservatorio di San Pietro a Majella, la Ipsedixie Band, mentre La festa dei folli offrirà musica napoletana. Con Mesogea sentiremo i ritmi del Mediterraneo, dal Theatre de Poche si vedrà “Per Amor di Isabella”, le esibizioni di Massimimo e la mostra fotografica di Alessandro de Falco. La parata si chiuderà con l’orchestra Quebradera dalla quale si ascolteranno ritmi indiavolati di samba e batucada. Insomma ce ne sarà per tutti i gusti. Anche quest’anno, come ogni anno, poi, sarà letto a Napoli, come in tutto il mondo il messaggio di una personalità della danza di fama mondiale. E’ la volta di Sasha Waltz, coreografa e regista berlinese. Ecco il suo messaggio: “Si danza ai compleanni, ai matrimoni, nelle strade, nei salotti, sul palcoscenico, dietro le quinte. Per comunicare gioia e dolore, come rituale, per vivere esperienze estreme. La danza è un linguaggio universale: ambasciatrice per un mondo di pace, per l’uguaglianza, la tolleranza e la compassione. La danza insegna la sensibilità, la consapevolezza, la percezione del momento. La danza è manifestazione di vita. La danza è trasformazione. La danza è espressione dell’anima. La danza dà al corpo una dimensione spirituale. La danza ci dà la possibilità di sentire il nostro corpo, di innalzarci, di andare oltre, di diventare un altro corpo. La danza è partecipare attivamente alla vibrazione dell’universo”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *